In inferiorità numerica il Carpegna lotta, accorcia e crolla solo nel finale

In inferiorità numerica il Carpegna lotta, accorcia e crolla solo nel finale

26 Novembre 2019 0 Di Nicolas Mazzoli

CASININA - CARPEGNA 4-1

A.S.D. CASININA CALCIO: Bragagnolo, Schiavi, Santi V., Tarallini, Ugolini, Mazzoli, Ricci, Perugini, Piermaria, Filippini, Lamghari. A disposizione: Donini. Allenatore: Girometti Massimo

A.S.D. CARPEGNA: Biagi, Piccini, Salucci (22′ st Archetto), Premi, Lazzarini, Stefanelli, Ndiaye (21′ pt Cheli), Raffelli (35′ pt Giovagnoli), Lombardi Borgia (9′ pt Lauretta Ma.), Rocchi, Lauretta Mi. A disposizione: Berardi, Crinelli, Nesi, Albanese. Allenatore: Pessina Emanuele

Arbitro: sig. Cufaj di Ancona

Reti: 12′ pt e 16′ pt Piermaria, 19′ st Lauretta Mi., 23′ st Tarallini 45’+1 st Lamghari

NOTE: Espulso al 17′ pt Premi


Casinina di SASSOCORVARO AUDITORE – Incubo senza fine per il Carpegna che cade anche nella sesta trasferta di stagione, aumentando le reti subite per gara.

Risultato bugiardo rispetto a quanto visto nei 95 minuti, soprattutto nel secondo tempo in cui i biancoazzurri, in inferiorità numerica dal 17′ del primo tempo, creano tanto, accorciando e arrivando vicinissimi al 2-2.

La fortuna non veste di certo la maglia carpegnola, tant’è che nemmeno dopo 10 minuti Lombardi Borgia deve abbandonare il terreno di gioco per l’ennesimo infortunio e lasciare il posto a Lauretta Ma.

Le prime due marcature biancorosse arrivano prima e appena dopo il quarto d’ora in due azioni praticamente uguali, entrambe segnate da Piermaria servito davanti il portiere dal n° 11 Lamghari, agile e veloce sulla fascia destra. Nell’esultanza del secondo gol gli uomini di mister Pessina rimangono in 10 per il rosso diretto al neo difensore centrale Giacomo Premi, reo di qualche parola di troppo rivolta al direttore di gara.

Prima frazione che dunque si chiude con i locali in doppio vantaggio e in 11 vs 10.

Nella ripresa gli ospiti non si abbattono e provano più volte a gonfiare la porta di Bragagnolo con le incursioni dei cugini Lauretta. Al 19′ è proprio il giovane n° 11 ad affondare il colpo (il primo in carriera in campionati di prima squadra, il secondo con questa maglia), grazie all’assist dell’altro millenial Rocchi, rete che riporta il Carpegna in gara e fa esplodere il pubblico biancoazzurro. A questo punto saltano gli schemi con il Casinina che soffre ed è costretto ad arretrare e subire gli attacchi biancoazzurri; da segnalare due episodi ravvicinati molto dubbi con il difensore di casa che para letteralmente il pallone con la mano ma l’arbitro fa proseguire. Ed è proprio dal secondo episodio che nasce l’azione che porta i biancorossi a segnare il terzo gol. La rete del definitivo 4-1 arriva nel recupero, quando ormai ogni speranza era svanita.